Servizi

Cosa facciamo

Lo  Studio medico è di “eccellenza”  e meritevolmente possiamo denominarci così, per i risultati e per come li diamo,  immediatamente e senza esporre ad alcun rischio chirurgico e ad alcun effetto collaterale. Risolvendo peraltro non solo il problema che ci viene sottoposto, ma anche un corteo di sintomi e altri problemi, qualche volta di gran lunga più importanti per la qualità della vita, del mal di schiena pur importante da risolvere, che le persone vengono a sottoporci, “come  ultima spiaggia”  e dopo essersi sentiti proporre interventi chirurgici  improponibili.

Siccome non sono pochi i casi che ci giungono all’osservazione  anche dopo interventi chirurgici  decisamente invasivi, quanto demolitivi e peggiorativi del problema iniziale, sia uno spunto di riflessione il pensare che non si torna indietro, con l’approccio  convenzionale già praticato e l’integrità fisica è perduta irreversibilmente.

Un esempio significativo è il mal di schiena a livello delle toraciche alte, i cui metameri innervano la regione cardiaca e dello stomaco.   In questo caso le persone affette dal problema, oltre a sentire un dolore alle vertebre, avvertono anche un senso di peso, come avere un pesante zainetto da portare e un senso di  costrizione sternale dolorosa, che può accompagnarsi a gastralgia e rigurgito gastrico.   Queste persone poi  finiscono dal  Cardiologo con la diagnosi di  angina, quando non ci finiscono a ischemia avvenuta, inquadrata come prodromo dell’infarto cardiaco, tenuto conto anche del fastidio gastrico, che si manifesta come conato di vomito. Il seguito  che li aspetta è l’impianto di  by-pass  o quantomeno di stent  coronarico,  al quale provvedimento cardiologico si aggiunge poi la necessità a vita di assumere farmaci antiaggreganti estremamente critici da monitorare e statine del colesterolo, cagionanti effetti collaterali peggiori del male, che vorrebbero prevenire.

Ebbene il nostro approccio al mal di schiena di quel tipo, risolve  anche l’ischemia cardiaca definitivamente nel tempo e l’eventuale corteo di sintomi gastrici: bruciore gastrico e rigurgito acido.

Non sarebbe esagerato affermare che l’infarto cardiaco, che  l’approccio convenzionale purtroppo non riesce a sottrarre il soggetto dall’exitus, approcciato dalla vera causa del problema,  rilevando i segnali psico-galvanici e rinormalizzandoli nella conduzione, potrebbe salvare la vita. (La salva.  Potrebbe,   perché la gente corre in P.S.).

Quest’ultima nota sia d’interesse per chi è già tipizzato per lo stent  cardiaco, da apporre nell’arteria coronarica, ritenuta la causa dell’ischemia. Quando invero la causa  dell’ischemia è la vasocostrizione che l’arteria medesima subisce per una sorta di  “nevralgia”, effetto della radicolopatia a carico del tronco nervoso,  che subisce un pur lievissimo schiacciamento dalle vertebre toraciche alte.

In definitiva quel che facciamo potete andarlo a vedere cliccando su ogni vertebra della colonna, che appare nella videata che mostra appunto la colonna e i suoi distretti a colori diversi.

Visitate anche  www.curaginocchio.it 

Studio medico internazionale

Per appuntamenti

contattare la Sig.ra FLORIANA LIBRIANI al numero 347 6244973

Studio Medico Internazionale per la CURA del GINOCCHIO, LOMBOSCIATALGIE, PATOLOGIE del RACHIDE.